Gli studi di Luc Montagnier sulla memoria magnetica dell'acqua e l'omeopatia

Gli studi del Nobel Montagnier sulla memoria magnetica dell'acqua, forse potranno spiegare il funzionamento dell'omeopatia e di altre discipline considerate fino ad oggi soltanto superstizioni.
Montagnier, il famoso virologo francese, Nobel per la medicina nel 2008, viene spesso malvisto dalla comunità scientifica più ortodossa per la sua apertura a discipline come l'omeopatia, considerate dal mondo accademico più intransigente, pseudo-scienza priva di efficacia e di valore scientifico.
Ora grazie a questi studi, mirati a curare alcune anomalie come l'autismo e tutta una serie di malattie neurologiche degenerative, come la sindrome da stanchezza cronica e la sclerosi multipla, tramite l'usuale riduzione farmacologica dei sintomi, ad un approccio teso a migliorare la comprensione delle cause di queste malattie.
Il premio Nobel Jean Luc Montagnier
Secondo Montagnier, queste malattie sono causate principalmente da agenti infettivi, quindi possono essere sconfitte migliorando l'efficacia dei trattamenti, combinando una serie di antibiotici, medicinali omeopatici e in particolare con l'utilizzo di alcuni integratori e pro-biotici come: "l'estratto di papaia fermentato".
Questi studi sulla memoria magnetica dell'acqua, derivano da esperienze del Prof. Montagnier sulla risonanza magnetica del materiale genetico degli agenti infettivi: praticamente "e in parole molto semplici" il DNA di questi virus si comporta come un antenna, trasmettendo dei segnali elettromagnetici a varie frequenze e a bassissima intensità, adattando queste modulazioni alle frequenze delle cellule che intendono attaccare, in pratica si comportano come un ladro che possiede un gran numero di chiavi e combinazioni e potendo variarle "prima o poi" riuscirà ad entrare nella cassaforte della cellula e a legarsi con il suo DNA.
Montagnier, studiando i campi magnetiche o le risonanze di questi virus, ha scoperto nelle provette di laboratorio che contenevano in precedenza del materiale biologico e nonostante queste fossero state sterilizzate; si poteva riscontrare la presenza dell'impronta magnetica "come dei fantasmi" degli agenti virali contenuti in precedenza: Cioè, nell'acqua distillata, inserita nelle provette precedentemente sterilizzate, si potevano trovare ancora le tracce magnetiche dei virus contenuti in precedenza "prima della sterilizzazione" e quindi l'acqua avrebbe potuto trasmettere ancora queste informazioni alle cellule.
Possiamo fare l'esempio di un nastro magnetico di un vecchio registratore analogico, nonostante il nastro venga cancellato rimangono delle tracce di ciò che conteneva in precedenza, a noi impercettibili, ma comunque realmente esistenti e capaci di interagire con le testine magnetiche del registratore.

La Struttura doppia elica del DNA

In questo caso l'acqua si comporta come quel nastro magnetico, conservando i dati magnetici del virus, l'impronta magnetica dei virus contenuti in precedenza "nella provetta e anche una volta che questi dati sono stati cancellati" ed è capace di trasmettere un messaggio magnetico "anche se non è completo, completamente attivo o fisicamente percepibile".
Questa carica magnetica "lo spettro magnetico del virus distrutto" è in qualche modo utilizzabile ha la capacità interagire con le testine magnetiche del registratore "la cellula e il suo DNA" e la capacità di trasmettere un messaggio.
Questi campi magnetici estremamente deboli possono avere conseguenze positive o negative sulle nostre cellule: Positive, innescando nel nostro organismo delle risposte "difese naturali", preparando il nostro corpo a proteggerci dall'attacco di autentici e realmente pericolosi agenti patogeni o virali: Oppure proteggerci dalla trasmissione delle malattie e dalle sindromi "come nel caso dei virus che scatenano delle malattie degenerative".
Oppure, possono anche avere conseguenze negative, simili alle malattie derivanti dall'esposizione ai campi magnetici prodotti dall'emissione di onde radio o dei telefoni cellulari.
Quindi potremo ipotizzare che nell'omeopatia, l'uso di sostanze aventi una carica magnetica specifica comporta la trasmissione alle cellule del nostro organismo di una grande quantità* di messaggi magnetici,
"*soprattutto grazie al potenziamento che avviene tramite la dinamizzazione (agitazione meccanica) usata nella produzione dei medicinali omeopatici"
Derivanti dalle impronte di sostanze benefiche o nocive, o di sostanze con effetti simili alle patologie che intendiamo combattere, ecc..
Queste sostanze, anche se sono estremamente diluite, scatenano una reazione immunologica capace di aumentare notevolmente la protezione naturale dell'organismo e innescare la capacità dell'organismo di auto debellare una patologia.
In un certo senso, la medicina omeopatica si comporta come un vaccino, mentre nel vaccino si usano dei virus resi inoffensivi per scatenare una risposta immunitaria da parte dell'organismo, nell'omeopatia, per attivare la auto-cura e la difesa immunitaria, si usano soltanto le impronte magnetiche di sostanze nocive (p.e Aconitum napellus, Agaricus muscarius e Digitalis purpurea), di sostanze curative, di tossine, ecc..
Nucleo di cellula umana contenente il DNA
Ancora, utilizzando l'esempio del registratore, se nel caso del vaccino si usa un messaggio fisicamente percepibile e comprensibile sia a noi che alla cellula "alla testina magnetica", nell'omeopatia si usano soltanto dei segnali magnetici a noi non percettibili, ma comprensibili dalla cellula e capaci di interagire e modificare il meccanismo di protezione (probabilmente magnetica) delle cellule ed il funzionamento del DNA cellulare.
Montagnier ha parlato anche di influenze magnetiche ultra deboli da parte dei corpi celesti sulle cellule e sul DNA, quindi questo apre a una nuova interpretazione scientifica di un altra pseudo-scienza chiamata astrologia e della sua influenza sul nostro carattere e sulla nostra salute.
Possiamo immaginare che finché restiamo nel corpo di nostra madre, siamo protetti e sotto l'influenza del campo magnetico del suo corpo.
Siamo protetti dagli altri campi magnetici e in un certo senso, siamo individui completamente differenti da quello che diventeremo una volta nati.
Quando veniamo al mondo ed entriamo completamente in relazione con la risonanza delle energie elettromagnetiche dell'universo e dei corpi celesti più vicini "luna e pianeti del sistema solare"; i quali secondo la loro posizione "direzione dello spazio" emettono differenti vibrazioni elettromagnetiche deboli, essendo essi stessi, influenzati da altri corpi celesti e forse da altre fonti magnetiche più lontane "stelle, galassie, quasar, ecc.".
Pertanto, la cosiddetta carta del cielo natale "astrologica" e che prende in considerazione il momento della nascita per analizzare le caratteristiche individuali, potrebbe avere una qualche validità scientifica, legittimabile dagli studi di Montagnier, anche se difficilmente analizzabile e osservabile con i comuni mezzi fisici.
Campo magnetico terrestre, magnetosfera 

Comunque, se l'uomo intende intraprendere dei viaggi nello spazio profondo "p.e viaggio su Marte", anche la scienza dovrà tenere in considerazione queste teorie, poiché quando gli astronauti non si troveranno più sotto la protezione del campo magnetico terrestre "cosa mai avvenuta fino a ora", saranno come dei nascituri fuori della protezione del corpo materno.


Probabilmente, si troveranno a sperimentare, oltre al micidiale bombardamento dei raggi cosmici, un enorme cambiamento psico-fisico, una specie di nuova rinascita, non stimabile e riproducibile con metodi di laboratorio; comunque, con degli affetti, reali e rilevanti quanto gli effetti dell'omeopatia e dell'astrologia.
Una evoluzione auspicabile da questi studi è la futura possibilità di creare in casa nostra, oltretutto gratuitamente, i medicinali ed i vaccini omeopatici che ci servono:
Potremo, usando particolari emettitori di campi magnetici e come impronte di base le risonanze magnetiche di sostanze comunemente usate in omeopatia o le impronte magnetiche che vengono lasciate dai virus "soppressi".
Potremo "potenziare" caricando di potere curativo della semplice acqua distillata, abbandonando le numerose sostanze chimiche e tossiche dei farmaci.
Medicina omeopatica, Arnica Montana
Tutte le immagini riprodotte in questo post sono fornite su licenza: Creative Commons o sono di pubblico dominio.

1 commento:

  1. P.s - Qui non stiamo parlando di acqua "generalmente" magnetizzata, ma di:
    (Campi magnetici e come impronte di base delle risonanze magnetiche di sostanze comunemente usate in omeopatia o delle impronte magnetiche lasciate dai virus) "in modo da creare un immunoresistenza a questi virus".

    Io non sono in grado di affermare "e non voglio farlo" che l'acqua magnetizzata genericamente possa avere effetti curativi, non spetta a me dirlo "soprattutto non voglio pubblicizzare un prodotto sperimentale e di cui non conosco le caratteristiche".

    Come si informa nelle avvertenze di questo blog, o di altri blog che gestisco:
    (Questo blog non è creato a scopi pubblicitari "o commerciali", qualunque richiamo pubblicitario non dipende dalla volontà del proprietario del blog o dai suoi collaboratori, oppure è mirato a scopi di donazione o meritori.)

    Quello che descrive Montagnier, o ciò che ho capito nei limiti della mia limitata comprensione, e che queste sostanze o i virus lasciano impronte magnetiche molto specifiche nell'acqua e ciò che io auspico, è che forse un giorno, si possano copiare tali impronte estremamente specifiche, ma credo che, al momento, non siano neppure state identificate singolarmente:
    (così come è estremante difficile scoprire una password molto complessa, soprattutto se ci troviamo a dover aprire un tipo "e soltanto un tipo", tra le migliaia di serrature possibili).

    Altro discorso per i virus come l'HIV, che hanno il potere di mutare, o di cambiare la loro risonanza, quindi il problema potrebbe essere ancora più complicato e da non affrontare in modo così semplicistico.

    Anche Montagnier parla "di un approccio teso a migliorare la comprensione delle cause di queste malattie", e di terapie basate su un attacco su molteplici fronti "combinando una serie di antibiotici, medicinali omeopatici e in particolare con l'utilizzo di alcuni integratori e pro-biotici":
    In teoria "e soltanto in teoria" questa acqua "molto specificamente" magnetizzata potrebbe soltanto aumentare l'effetto o sostituire uno o due di questi approcci descritti.

    Ma, forse, potrebbe anche sostituire dei farmaci tossici in alcune patologie molto comuni "così come "e già adesso" li sostituisce l'omeopatia..".

    RispondiElimina