Salvare il Castagno dal Cinipide!

Salvare il Castagno Europeo, (Castanea Sativa)
Il castagno europeo (castanea sativa) è stato colpito dall'infestazione di un parassita di origine cinese, il cinipide (dryocosmus kuriphilus yasumatsu) o vespa della galla.
Questa vespa innocua per l'uomo ma micidiale per l'albero di castagno, depone le sue uova nell'intersezione dei rami piú giovani, formando delle galle che fanno deperire l'albero e in alcuni casi, arrivare ad ucciderlo.
Questa infestazione è iniziata in Piemonte, tramite l'importazione di legname dalla Cina, adesso si sta estendendo a quasi tutta l'Italia e al resto d'Europa.
Cinipide o Vespa della Galla    
Le zone piú colpite sono oltre al Piemonte, la Liguria, l'Emilia Romagna, la Toscana, il Lazio e l'infestazione si sta spostando sempre piú a sud: l'Italia è il terzo produttore mondiale di castagne, subito dopo Cina e Corea, ma adesso a causa di questo parassita la produzione in certe zone, è scesa persino dell'80%.
Questo parassita aveva già colpito Giappone e USA, negli Stati Uniti hanno affrontato il danno in modo drastico, sostituendo gli alberi ammalati con varieta di ibridi asiatici, resistenti alla vespa delle galle cinese, ma per l'Italia questo è impossibile, poichè la superficie dei boschi di castagno in Italia è pari o superiore al 10% della superficie boschiva totale.
Galle del Castagno    
Invece, in Giappone e Corea hanno ottenuto ottimi risultati dalla lotta biologica, mediante l'uso di un parassitoide il (torymus sinensis), un predatore naturale del cinipide, questo piccolo parassitoide "innocuo per uomo, per le colture e capace di riprodursi autonomamente" è dotato di organo di riproduzione simile ad un trapano, capace di perforare le galle del legno e inserire le sue uova nella larva della vespa del castagno: questo torymus inoltre, aiuta la prevenzione delle galle su altri alberi.
L'Italia sta iniziando la riproduzione di questo insetto antagonista in speciali vivai, su giovani piante infestate e in zone protette da sottilissime reti
Nessun antiparassitario è efficace a combattere il cinipide, questa lotta biologica è l'unico mezzo o almeno, il piú efficace e il meno costoso.
Per essere efficace e rapida la lotta a questo parassita del castagno, va attuata su tutto il territorio di castagneto europeo e in tutte le coltivazioni di castagno: i vivai devono essere controllati, in modo che essi non mettano in commercio altre piantine gia ammalate.
Torymus Sinensis
Quindi, con questa petizione chiediamo all'Europa di attivarsi, la "European Commission Agriculture and Rural Development, Forestry measures" deve avviare una task-force e creare un fondo per salvare il castagno dal cinipide su tutto il territorio europeo.
Europe, save the ancient tree of bread!
http://www.thepetitionsite.com/1/EU-save-treeofbread/
Questa petizione va un po modificata nel suo testo e persino nel suo titolo: questo verra fatto prima di inviarla alla Commisione Europea, accetto con gioia ogni consiglio e ogni aiuto da parte dei firmatari.
Grazie a tutti!

Notizia preocupante riguardo al cinipide: due Castagni millenari delle pendici dell'Etna, in Sicilia, stanno per essere distrutti dal cinipide.
I due castagni (Il Castagno dei Cento Cavalli) di oltre 3000 anni e il castagno plurimillenario (di S. Agata o Della Nave).
Quindi il cinipide è arrivato anche in Sicilia!

Il Castagno dei Cento Cavalli
(quadro di Jean Houel)

Nessun commento:

Posta un commento